Si sente tanto parlare di sostenibilità, è ormai diventata un’ossessione.

È la parola chiave sui social, al supermercato, in TV e sui giornali.

Ma sappiamo davvero cosa significa?

La sostenibilità e lo sviluppo sostenibile sono dati dalla coesistenza di tre aree: economico, sociale e ambientale. 

Questo vuol dire che per essere sostenibili non si può guardare solo ad una specifica di queste tre aree, ma bisogna tenere conto degli impatti che si generano sulla società, sull’ambiente e anche sull’economia.

Per questa logica non potremmo mai definire sostenibile un’azienda, o una società, che si impegna a tutelare l’ambiente e per farlo utilizza manodopera minorile o lavoratori sottopagati, così come non può essere neanche sostenibile un’azienda che tutela l’ambiente, tratta bene i suoi lavoratori, ma dopo un anno va in bancarotta.

Al centro della sostenibilità c’è soprattutto il benessere delle persone che passa attraverso l’impatto ambientale e sociale, ma anche  il benessere e la felicità di chi ci lavora.

Tenere conto di questi tre aspetti, dedicando ad ognuno la stessa importanza, è la vera chiave della sostenibilità.

Non possiamo scollare ambiente e persone, perché la verità è che siamo la stessa cosa.